Sunday, 24 February 2019 08:05

Le False credenze sulla Pranoterapia

Le credenze errate che riguardano la pranoterapia sono veramente tante e purtroppo è un peccato leggere di associazioni della Pranoterapia con l'occultismo o la magia.

Cosa c'entra la Pranoterapia con l'occulto? L' occultismo è  un termine che deriva dal latino occultus e si riferisce alla conoscenza di ciò che è «nascosto», o anche alla conoscenza del soprannaturale, in antitesi alla «conoscenza del visibile», ovvero alla scienza ufficiale secondo wikipedia. Secondo la Treccani la definizione di occultismo è occultismo s. m. [der. di occulto]. – Complesso di dottrine fondate su una concezione religiosa, metafisica e fisica dell’universo che presuppone l’esistenza, al fondo della realtà, di forze dinamiche, personali o impersonali, fisiche o psichiche, inconoscibili con gli strumenti della logica o della scienza matematica e sperimentale (da questo punto di vista restano «occulte»), ma con le quali si possono stabilire rapporti attraverso strumenti conoscitivi o tecnico-pratici riservati a pochi sapienti. Nella storia della cultura il termine abbraccia atteggiamenti e fenomeni estremamente diversi: dalle pratiche magiche all’alchimia, dall’astrologia alla geomanzia, e investe anche il campo di esperienze e pratiche religiose.

In entrambe le definizioni l'occultismo assume un significato abbastanza vicino a ciò che si può dire della Pranoterapia, ma la percezione delle persone quando parli di occultismo ti riferisci a qualcosa da cui prendere le distanze, anche perché il significato di occulto nel caso di occultare diviene nascondere con fini illeciti e pertanto il significato si allontana pertanto dal nostro ideale di trasparenza. Riguardo a questo punto le dottrine religiose impongono i propri veti ai fedeli invitandoli a non avvicinarsi a coloro che fanno uso della Pranoterapia, pratica che può essere esercitata solo da un uomo di Dio, diversamente è una pratica che proviene dal Male, secondo la descrizione di un sito che prendo come riferimento per le cose errate e superficiali che sono state scritte. Inoltre cita quanto la Pranoterapia esercitata da persone comuni sia in realtà più un potere che viene ereditato nelle generazioni di famiglie che hanno avuto collegamenti con spiritismo e la magia, questo in parte potrebbe essere anche vero, ma non parliamo più di Pranoterapia, ma di psichismo.

Le funzioni psichiche sono il complesso di funzionalità della psiche ovvero attività del sistema nervoso centrale adatte a ricevere e interpretare dati e stimoli esterni determinando come risposta un certo comportamento, comprendendo sia le funzioni cognitive sia quelle inconscie. Questo ci aiuta a comprendere che a livello inconscio durante certe pratiche possono essere risvegliate forze sconosciute in grado di interagire con l'esterno e modificarla.

Niente di tutto ciò a che fare con la capacità di utilizzare il Prana o Energia Vitale, il soffio vitale è una forza Naturale presente in tutte le cose e il Pranoterapeuta è solamente più consapevole di ciò è un po come usare l'aria per respirare, questo è un processo naturale, ma quando l'aria la utilizzo per gonfiare un palloncino ne faccio un uso differente, per coloro che ignorano le proprietà dell'aria vedere un palloncino gonfiarsi può essere un Miracolo per altri un fenomeno da condannare, purtroppo la storia ci insegna come i passaggi di coscienza collettiva siano stati spesso il frutto di vicende dolorose dettate dal fatto di non conoscere le leggi di natura. 

Il pranoterapeuta non è un prescelto e neppure un servitore del Male

Usare l'Energia è proprio come Respirare cambia solo il grado di consapevolezza, il come dipende dalla conoscenza e l'esperienza, non nasciamo capaci di fare tutto, ma dobbiamo imparare così come accade per una disciplina Antica quanto l'Uomo, detto ciò è facile capire che esistono nel mondo delle persone più portate e altre meno, nulla a che vedere con Risvegli o persone scelte da Dio, ma se preferite infiocchettare il tutto non ci sono problemi perché i processi restano tali e le nostre credenze limitano solo noi stessi. Quando lavori con il Prana o Energia Vitale lavori con l'Energia punto e basta, non c'è il bene o il male entrambi dipendono dal nostro agire e basta, ma è impossibile utilizzare la Pranoterapia per scopi che non siano orientati a migliorare lo stato delle persone, diversamente entrano in gioco solo forze psichiche del malintenzionato a cui possiamo associare tutto ciò che vogliamo, ma non certo quello di essere un Pranoterapeuta. In Realtà neppure un religioso può essere considerato un Pranoterapeuta se strumentalizza questo processo naturale per incantare i fedeli e renderli più soggetti al potere della propria religione o il proprio carisma.

Il Cardinale Ratzinger, Prefetto per la congregazione per la dottrina della Fede, ha dichiarato a riguardo della pranoterapia: “Le pretese doti di guarigione dei pranoterapisti sono un segno di paganizzazione e non hanno nulla a che vedere con la fede cristiana e con il carisma delle guarigioni. Fanno parte di un terribile mondo sotterraneo”.

Questa è un'affermazione a mio parere vera in parte in quanto essere Pranoterapeuti significa proprio non appartenere a nessun credo specifico, anche se ciò non vuol dire che non si debba per forza essere privi di credo, anzi esistono persone credenti che esercitano l'imposizione delle mani, così come esistono persone non credenti in una religione specifica che esercitano la stessa pratica con risultati incredibili in entrambi i casi, riguardo al terribile mondo sotterraneo direi che questo può essere vero in parte, ma anche un modo per comprendere le intenzioni di chi esercita, personalmente non ho mai esercitato se non apertamente così come è alla luce questo sito. Ciò dimostra quanto si sappia ancora poco di questa disciplina e quanto sia strumentalizzata per scopi di dominazione sulle menti delle persone che ignorano.

I guaritori non hanno poteri di alcun genere

In tutto questo centrano poco i poteri, ma si sa alle persone fa più comodo pensare che qualcuno sia stato scelto per guarire i mali che ci affliggono, è più facile pensare di prendere una medicina che toglie il male piuttosto di capire e lavorare sulla cattiva abitudine che lo ha generato, un vero pranoterapeuta non ha i poteri che vi guariscono, piuttosto vi aiuta a stare meglio per prendere coscienza e instradarvi sul percorso della guarigione è come essere guidati da una stanza chiusa e buia in cui fatico a respirare a un ambiente esterno in cui c'è luce e aria in abbondanza, perché per un certo periodo mi sono perso, in questo processo non c'è bisogno di credere in poteri magici o in altro, ma semplicemente di essere grati. 

Il sito inoltre afferma che:

La maggior parte dei guaritori usa pratiche come la pranoterapia, la riflessologia, l’ipnosi, 1’ESP (percezione extrasensoriale), l’agopuntura, il reiki e le tecniche orientali di meditazione (il bio feed back, il training autogeno, lo zen, lo yoga, 1’aikido, il tai-chi-chuan, lo shiatzu, i corsi di “Dinamica mentale di base”, l’omeopatia, etc.)Pure un documento dell’Ufficio Nazionale dei Vescovi Italiani (Cei) per la pastorale della sanità del 20/10/2000, mette in guardia dai rischi per la salute, ma anche per il coinvolgimento di queste terapie alternative con filosofie orientali “non compatibili con la fede cattolica e qualche volta perfino accompa­gnate da pratiche occultistiche”. Il documento, parlando di medicina non convenzionale si riferisce a “tutte quelle prassi mediche non fondate su riscontri di anatomia, fisiologia, patologia e terapia: erboristeria, ago­puntura, omeopatia, pranoterapia, riflessologia, iridologia, reiki e shiatzu, che possono rappresentare un rischio per i pazienti che abbandonano le terapie tradizionali, ma di comprovata efficacia”.

Questo la dice lunga su quanto la Religione purtroppo abbia perso di vista il significato di Spiritualità e soprattutto  quanto in realtà ignori la conoscenza di un messaggio Universale e dei suoi processi naturali, anche la scienza si sta sempre più rendendo conto che nell'uomo esistono forze che non possono essere ignorate e che ancora poco si sa di questo mondo che per così tanto tempo è stato tenuto lontano dalle persone. La conoscenza è libertà, l'ignoranza è una prigione.

Chi crede in me farà anch'egli le opere che io faccio. E farà cose ancor più grandi di queste (Gv 14, 12)

Chi crede in me farà anch'egli le opere che io faccio; ne farà, anzi, di più grandi.  Perché vado al Padre e qualunque cosa chiederete in nome mio la farò (Gv 14, 12-14)

Le parole che io vi dico non le dico da me, ma il Padre, che è in me, compie le sue opere .

Queste Affermazioni ci aiutano a comprendere che dentro ciascuno di Noi esistono delle forze in grado di trasformare la realtà e che sono in sincronia con una forza universale definita Padre da cui tutto si origina, in tutto questo c' è solo la consapevolezza della nostra Natura e non la fede, perché la fede richiede uno sforzo, mentre la consapevolezza è uno stato d'Essere che si sviluppa e si espande in sintonia con tutti i processi dell'Universo.

 

 

 

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

Previous ◁ | ▷ Next